Attesa

Attesa

Anna Madia
Anno: 2007
Dimensioni: cm 50x70
Tipo: pittura
Tecnica: Acquaforte su zinco
Visualizzazioni: 874

Da anni ormai indago con la pittura e con il disegno la figura umana e durante gli studi accademici, dopo il primo approccio rivolto alla senilità, ho deciso di interpretare la figura femminile realizzando alcuni dipinti sulla donna gravida nella storia dell'arte.

Una cara amica è stata mia modella per una serie di scatti fotografici che mi sono serviti come diario di bordo, come taccuino d'appunti.

La metamorfosi del corpo, l'addolcirsi del viso...come non rimanere incantati di fronte a tale miracolo! Cercando di carpire la sintesi corporea della figura ho curato soprattutto le forme e i giochi cromatici in essa racchiusi: gesti, sguardi e le magiche rotondità della gestante.

Le tecniche utilizzate sono l'acrilico e la tempera su tavola di masonite, la stampa invece è un'acquaforte su zinco.

Dipingo su tavola perché amo il supporto tonale, il calore del legno; la rigidità della masonite mi permette di effettuare una serie di graffi con il retro del pennello e con le unghie.

La preparazione del supporto comprende gesso, colla vinilica e acqua e la vernice finale è di solito opaca.

 

Anna Madia, nata a Torino nel 1976, si è Diplomata in pittura presso l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino nel 2002.
Finalista al Premio Cairo nel 2006, al BP Portrait Award della National Portrait Gallery di Londra nel 2007, ha vinto nel 2008 il Premio Renaissance dell'Italian Cultural Institute di Londra .
Recentemente le è stata assegnata la borsa di ricerca come "tutor" presso il corso di pittura dell' Accademia Albertina.
Giovane pittrice di talento, la Madia è tra le più promettenti rappresentanti della nuova figurazione, nel panorama torinese e non solo. Le sue figure femminili rispecchiano una visione del mondo di mezzo tra infanzia e adolescenza.